Piera Alba Iasella - IOMED
10940
page-template-default,page,page-id-10940,mkd-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-1.5,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Piera Alba Iasella

Direttore Scientifico IOMED

Medico chirurgo
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione
Esperta in auricoloterapia,  biorisonanza e cromopuntura secondo Peter Mandel

Di cosa mi occupo?

L’auricoloterapia è una metodica medica riflessa messa a punto dal medico francese Paul Nogier negli anni ’60 . Essa prevede la stimolazione di specifici punti lacalizzati sul padiglione auricolare al fine di influenzare positivamente determinate aree del cervello.
Indagini scientifiche, quali la risonanza magnetica funzionale e l’elettroencefalogramma, hanno infatti evidenziato come , grazie ad una privilegiata innervazione dell’orecchio, esista un costante scambio di informazioni tra padiglione auricolare, cervello ed organi periferici. In virtù di tale comunicazione, sul padiglione auricolare sono contenute  le rappresentazioni delle innervazioni dei vari organi ed apparati e la stimolazione di specifici punti del padiglione auricolare con piccoli aghi posti in modo estemporaneo e/o con aghi semipermanenti lasciati sull’orecchio per alcuni giorni, stimola determinate aree cerebrali, inducendo per via riflessa una risposta ed una regolazione degli organi periferici malfunzionanti.
La biorisonanza o terapia di informazione biofisica  è  una  terapia che attraverso l’utilizzo di campi elettromagnetici a bassa frequenza stimola il corpo ad autoregolarsi e ad autoguarire. Si basa sul principio che tutti i processi biochimici del corpo umano sono regolati e controllati da un continuo scambio di segnali elettromagnetici fra le cellule del nostro organismo. In caso di malattia,  in determinati distretti corporei si assiste ad una alterazione o indebolimento di tali segnali.  La biorisonanza interviene in questo sistema di conduzione elettromagnetico,  rielaborando a scopo terapeutico le frequenze elettromagnetiche proprie del paziente.
La cromopuntura, ideata dal naturopata tedesco Peter Mandel negli anni 70, è un sistema diagnostico e terapeutico che  sfrutta le frequenze della luce colorata allo scopo di stimolare l’impulso di guarigione a livello fisico ed energetico. I nuovi studi nell’ambito della fisica quantistica  hanno dimostrato che le cc del nostro corpo comunicano attraverso la luce.  Quando questa comunicazione è interrotta o indebolita,  sopraggiungono i sintomi e la malattia.  La cromopuntura, che si  avvale della stimolazione con fasci di luce colorata di specifici punti localizzati sulla cute lungo i meridiani di agopuntura secondo la Medicina Tradizionale Cinese, ripristina con i suoi impulsi la comunicazione tra le cellule. Nulla si altera o si aggiunge nell’organismo, viene semplicemente effettuato un riequilibrio.
Le metodiche sopra descritte, basandosi su principi simili, sono integrabili fra loro e trovano applicazioni in svariati campi:
• Patologie osteoarticolari
• Dolore acuto e cronico osteoarticolare e viscerale ( tendiniti, dolori articolari da artrosi e artriti, lombosciatalgie, disturbi della sfera gastrointestinale e genitourinaria)
• Disregolazioni ormonali ( disturbi del ciclo mestruale e disturbi legati alla menopausa)
• Disturbi del sonno
• Stati depressivi
• Utilissime anche nella preparazione e nel recupero da interventi chirurgici e come supporto alla terapia riabilitativa neuromotoria.