Angelica Martinez - IOMED
11398
page-template-default,page,page-id-11398,mkd-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,mkd-theme-ver-1.5,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
 

Angelica Martinez

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima”… Sin da piccola, questa frase ha destato grande curiosità in me così, dopo il diploma, mi iscrissi alla facoltà di Optometria all’università de La Salle. L’interesse per gli occhi mi portò ad approfondire ancora di più e a ottenere la laurea in medicina in contemporanea a quella di Optometria. Mi trasferisco in Italia (Bologna) dove ottengo la specializzazione in Oculistica. Inizio a collaborare in vari studi oculistici e partecipo a diversi corsi e congressi che mi aprono un cammino di ricerca sulla relazione tra visione e disturbi psichici. Ho compreso che gli occhi non solo sono lo specchio dell’anima ma rappresentano la nostra capacità di guardarci dentro di guardare gli altri e la vita, è la finestra da dove la nostra mente guarda la realtà. Dunque m’interesso di psicosomatica la quale mi porta verso un approccio olistico con tecniche alternative per la cura de la vista come: il metodo Bates, yoga per gli occhi, lo sport visual training e la PNL. Comincio a studiare, medicina quantistica, reiki, aromaterapia, alchimia trasformativa, tecniche che mi spalancano ancora di più le porte della guarigione attraverso il lavoro interiore. Riprendo così le pratiche sciamaniche insegnatemi dalla mia nonna paterna e consapevolmente arrivo a trovare la chiave per migliorare la mia visione e quella dei miei pazienti, senza bisogno di prescrivere occhiali, lenti a contatto o ricorrere alla chirurgia rifrattiva. Con la mia tecnica, “REVELAVISIÓN” accompagno i miei pazienti in un viaggio all’interno di loro stessi, rivelando i blocchi emotivi, mentali e fisici che fanno calare un velo annebbiante della visione.
COME FUNZIONA IL SISTEMA VISIVO? 
La vista è un complesso meccanismo di interazioni tra ambiente, occhio e cervello. La luce stimola le cellule visive dell’occhio, esse trasmettono informazioni sensoriali alla corteccia cerebrale dove vengono decodificate e interpretate, ovvero “viste”. L’esperienza visiva però, è un processo assolutamente personale: nasce dal proprio vissuto, dagli archetipi culturali, dall’ambiente dove viviamo, dall’umore, dalle aspettative, dalla postura… In altri termini, dalla propria esperienza di vita.
POSSIAMO MIGLIORARE LA NOSTRA VISIONE?
Assolutamente si, attraverso un lavoro di rieducazione della visione interna ed esterna. Chi si approccia a questo metodo, inizia ad aprire la sua mente all’esistenza di nuove soluzioni oltre a quelle convenzionali.
La visione offuscata, come qualsiasi tipo di problema visivo, è un messaggio del nostro corpo che ci indica uno squilibrio energetico (dentro di noi scorre energia come in una centrale elettrica), uno shock (corto circuito energetico) come ad esempio l’inizio delle elementari, il cambio dalle elementari alle medie, dalle medie alle superiori, l’ingresso all’università, un trasloco, un divorzio, la perdita di qualcuno, la situazione attuale e tutto questo porta ad avere una visione “sfocata” del mondo e di se stesso.
Se impariamo a “VEDERE” questi messaggi, potremo agire su di essi.
La miopia, per esempio non è solo ereditaria ma può avere anche altre cause: fisiche (Accomodativa), alimentari (intolleranze, infiammazione da acidosi e da allergie), emotive, mentali e talvolta karmiche  o animiche (per chi ha già iniziato a prendere confidenza con questi termini), sempre e comunque è possibile fare qualcosa per migliorare la situazione iniziale inconsapevole e guarire.
COME FUNZIONA IL MEDOTO REVELAVISIÓN? 
Si tratta di un metodo che comprende esercizi visivi, un lavoro mentale e sull’emozioni basato appunto sul concetto che la capacità visiva non dipende solo dagli occhi, ma anche dal cervello e dallo stato emotivo di una persona. Attraverso l’allenamento dei muscoli extraoculari, un lavoro interiore e tecniche mediate dallo yoga, questo metodo restituisce le piene facoltà visive risolvendo problemi di miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia, senza più ricorrere a l’uso di occhiali o lenti a contatto o chirurgia. Previene inoltre l’invecchiamento oculare, la stanchezza, il prurito, gli occhi rossi, il bruciore e l’affaticamento dovuti all’uso del computer e telefonini.
La responsabilità di ogni scelta e azione è solo nostra (libero arbitrio). Si scopre che, ogni cosa di noi può essere cambiata, migliorata, riscritta…